Esercizi di speranza (3-14 aprile 2019)

3 aprile-Parole d’amore

Questo post contiene parole d’amore… Sono tratte dalla Bibbia, “l’unico libro in cui l’autore del libro è anche autore dei lettori” (cit.). Qualcuna di queste può arrivare al tuo cuore? ❤

Continua a leggere

Esercizi di speranza (16 marzo-2 aprile 2019)

16 marzo-Fiducia

Dalle mie cagnoline imparo ad avere fiducia. Loro si fidano, si affidano e confidano nel fatto di essere amate. Nulla potrebbe convincerle del contrario, per questo sono il ritratto della gioia, che manifestano in ogni modo. 

Continua a leggere

Per mille strade

In questi giorni tantissimi giovani stanno percorrendo a piedi le strade d’Italia in risposta all’invito del Papa a mettersi in cammino per poi ritrovarsi l’11 agosto a Roma, dove parteciperanno all’incontro in preparazione al Sinodo dei Vescovi che avrà come tematica proprio “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Tutto questo mi sta facendo pensare molto al tema del cammino inteso in senso ampio, a tutte le difficoltà che possono presentarsi, ma anche alle gioie quotidiane scaturite dalla condivisione di un percorso, dall’aiutarsi a vicenda, dal completare una tappa raggiungendo un traguardo, apprezzando quelle cose che normalmente si danno per scontate e trovando consolazione nell’accoglienza ricevuta, nella preghiera e nella fraternità. Ho molta ammirazione verso chi sta facendo quest’esperienza, soprattutto mi commuovono le motivazioni che possono stare alla base di un’impresa di questo tipo. È brutto pensare  “chi glielo fa fare” ed è davvero molto triste riscontrare tanta superficialità anche in chi, in un contesto di un certo tipo, non dovrebbe averla. Camminare è faticoso ma è ciò che ci fa essere vivi dando concretezza e sapore alla vita stessa.

Logo-«X-mille-strade»-orizz-scritta-Sito

Continua a leggere

Un citofono collegato al Cielo

Un frutto di Chiara Corbella: così si definiva una ragazza siciliana di 29 anni, Maria Chiara Mangiacavallo, avendo in comune con lei la stessa vocazione alla gioia, attraversata, però, dalla sofferenza. Al termine del calvario della malattia, infatti, la giovane vita di Maria Chiara si è conclusa sulla terra il 13 marzo 2015, per rinascere al Cielo esattamente 9 mesi dopo essersi definita come un “frutto di Chiara”. Proprio come lei, si è preparata con fede all’incontro con lo Sposo, così che il suo funerale si è trasformato in una festa, quella del suo matrimonio.

mariachiara_Pagina_1-770x1089

Continua a leggere