Nel tuo amore

Pensieri, in forma di preghiera, a margine di un’adorazione eucaristica. Solitamente restano nelle stanze segrete del cuore, ed è bene sia così. Questa volta ho voluto riportarli qui perché spero possano trasmettere, a chi li leggerà, lo stesso amore del quale siamo investiti.

dig

Continua a leggere

Profumo di te

E anche quest’anno è arrivato Natale anche se, devo ammettere, di spirito natalizio in giro non se ne trova poi molto (almeno quello autentico, perché invece quello del non- Natale dilaga). Mentre stavo pensando a qualcosa da scrivere che non risulti troppo banale, riflettevo su come ancora, dopo duemila anni, fatichiamo a capire come la venuta del Figlio di Dio in sembianze umane abbia elevato talmente la nostra umanità da conferirle una dignità tutta nuova e una nobiltà altissima. Passiamo tutta la vita a cercare di conquistarci la stima degli altri e di meritarne l’amore, quando in realtà abbiamo già tutto quello che ci serve per vivere ed essere felici perché Dio è con noi. Se solo ci ricordassimo che in noi e in ogni altro essere umano c’è la stessa identica natura che Lui ha assunto per sé, quanto sarebbero diverse le cose.

IMG-20181128-WA0005

Continua a leggere

Natale o no

Questo è un articolo un po’ strano, ve lo dico subito, che ha per tema il Natale ma anche il non-Natale, ovvero il falso Natale, per intenderci quello fatto di lucine scintillanti, pensierini di dubbio gusto, messaggini copincollati, felicità tanto dirompente quanto effimera, buonismo da quattro soldi, peace&love e volemose bene. Tutte quelle cose, insomma, con cui abbiamo seppellito il Natale vero fino a non riuscire quasi a trovarlo più, perché a forza di addobbi da sistemare, regali da comprare e roba da cucinare, non ricordiamo più dove l’abbiamo messo. Ed è veramente tragico ritrovarsi a festeggiare il non-Natale senza Natale, perché si tratta essenzialmente di un’esperienza di non-senso.

20171222_223208

Continua a leggere

Chi è Gesù per me

In questo post raccontavo come la lettura di uno scritto meraviglioso di Madre Teresa di Calcutta avesse suscitato in me la domanda, quella che è fondamentale porsi, la stessa che Gesù rivolgeva ai discepoli nel Vangelo di due domeniche fa: “ma voi, chi dite che io sia?” che poi significa “chi sono io per te?”.

Oggi, nel giorno in cui ricorre la sua memoria liturgica, vorrei rileggere con voi la risposta che Madre Teresa si dava a questa domanda, una risposta che non si è esaurita soltanto a parole, ma che è stata da lei incarnata e vissuta per tutta la vita.

madre_tere_53415303

Continua a leggere

Un Dio umano per un uomo divino

Gesù è il Figlio di Dio che manifesta Dio nella sua condizione umana, ma è anche il figlio dell’uomo in quanto rappresenta l’uomo nella sua condizione divina. E questa condizione divina non è un privilegio esclusivo di Gesù, ma un’offerta per chiunque lo accoglie e lo segue. Il Verbo si è fatto carne, ma per riuscire a cogliere questa grandezza dobbiamo abbassare l’immagine che ci siamo fatti di un Dio altissimo e irraggiungibile e accettare la Sua scandalosa presenza nelle nostre scelte e nelle cose banali di ogni giorno. Oggi più che mai c’è bisogno di persone pienamente umane, che agiscano nella quotidianità della vita rendendo più bello il pezzetto di mondo in cui abitano. C’è bisogno di persone innamorate! Dio-Amore è il primo ad essere innamorato della nostra umanità, talmente innamorato da sceglierla per se stesso, e ciò che colpisce di Lui (e che ci innamora) è proprio la Sua umanità. Non il suo essere onnipotente, ma il suo essere fragile. Come un bambino. E come ognuno di noi. Buon Natale!

#lampidipoesia

jesusbaby